Articoli

Maria, madre e discepola

DIALOGHI PER CAPIRE

a cura di Don Francesco Vermigli

L’incontro si svolge in prossimità della festa dell’Immacolata Concezione, una delle feste mariane più amate, e all’inizio dell’Avvento ed è teso a indagare dal punto di vista teologico la figura di Maria madre nella Chiesa oggi.

Francesco Vermigli, che è docente di mariologia presso la Facoltà Teologica dell’Italia Centrale, ha pubblicato diversi saggi sia di ambito medievistico (sulla letteratura cisterciense, sulla mistica mediolatina e sulla storia della Chiesa dell’XI-XII sec.), sia di contenuto teologico (in ambito cristologico, ecclesiologico e antropologico).

SABATO 7 DICEMBRE 2019 | ORE 10.00
SCUOLA DI ARTE SACRA FIRENZE ONLUS

Ingresso gratuito fino a esaurimento posti

Arte e Teologia

Arte e teologia delle cose ultime, tra Duecento e Quattrocento

DIALOGHI PER CAPIRE

a cura di Don Gianni Cioli

L’incontro non a caso si svolge nel mese di novembre tradizionalmente dedicato alle anime dei defunti.

Gianni Cioli, che è docente di morale presso la Facoltà Teologica dell’Italia Centrale e membro del Consiglio Direttivo della Scuola di Arte Sacra, ha pubblicato nel 2015 uno studio molto originale sul tema della morte in alcune opere d’arte, perlopiù toscane, a cavallo tra Duecento e Quattrocento, e da esso prenderà spunto per approfondire il tema.

SABATO 16 NOVEMBRE 2019 | ORE 10.00
SCUOLA DI ARTE SACRA FIRENZE ONLUS

Ingresso gratuito fino a esaurimento posti

Prenota

Tra Arte e Fede

Tra Arte e Fede – Dialoghi per Capire, con Mons. Timothy Verdon

DIALOGHI PER CAPIRE
TRA ARTE E FEDE

Lezione a cura di Mons. Timothy Verdon,
Direttore del Museo dell’Opera del Duomo di Firenze

Timothy Verdon ha dedicato la vita allo studio dell’arte.

Autorevole storico dell’arte, in particolare del Rinascimento italiano, ne ha indagato con originalità le relazioni con la fede cristiana, sia dal punto di vista teologico che della devozione popolare.

Il Museo dell’Opera del Duomo, da lui diretto e di cui ha firmato la nuova sistemazione, è un esempio eloquente di una narrazione in cui sia percepibile il dialogo tra l’arte cristiana e la fede.

Un dialogo che, anche dal punto di vista didattico, è al centro della Scuola di Arte Sacra.

LUNEDÌ 20 MAGGIO 2019 | ORE 15.30
SCUOLA DI ARTE SACRA FIRENZE ONLUS

Ingresso gratuito fino a esaurimento posti

Cristina Acidini e Giuseppe Ghini leggono Masaccio e Rublëv

Masaccio e Rublëv: La Trinità. Una doppia lettura

La Scuola di Arte Sacra ha promosso il ciclo di incontri “Dialoghi per Capire” con artisti e professionisti del mondo dell’arte.
Si sono alternati pensatori del calibro di Sergio Givone, docente di estetica all’Università di Firenze; artisti come Beatrice Serpieri, prestigiosa ritrattista ideatrice della “fotogenia dell’anima”; Claudio Maccari, art designer.

Due artisti, due stili, due secoli: un tema, la Trinità. Cristina Acidini e Giuseppe Ghini leggono Masaccio e Rublëv

In Calendario per il 30 marzo un evento di prima grandezza con la Doppia Lettura della Trinità del Masaccio e di Rublëv a cura di Cristina Acidini, presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno, e Giuseppe Ghini, docente ordinario di Slavistica all’Università di Urbino.

Prossimo appuntamento con Dialoghi per Capire

Nel mese di aprile, i Dialoghi per Capire si trasferiscono alla Certosa di Firenze per un incontro con la spiritualità della Comunità di San Leolino e la presentazione del libro di Giovanni Padroni “Per una Fotografia come via della Bellezza”.

Dinamiche d'arte - Beatrice M. Serpieri - Dialoghi per capire - Sacred Art School Firenze

Dinamiche d’arte – Incontro con Beatrice M. Serpieri

Incontro con l’artista Beatrice M. Serpieri che offre una lettura fotografica delle opere scultoree di grandi artisti quali Niccolò dell’Arca, Antonio Canova, Pietro Tenerani, Adolfo Wildt.

Beatrice M. Serpieri

Attraverso lo studio della scomposizione della luce, l’artista indaga le illusorietà che ci offrono le vedute architettoniche, per poi approdare alla rilettura della statuaria del Canova e del Tenerani in continuità con lo studio del ritratto che tanto l’ha appassionata: un’esperienza artistica che intraprende con passione e rigore. Attraverso un suo particolare procedimento di scomposizione fotografica dei manufatti e della luce, effettuata esclusivamente in fase di ripresa, realizza sorprendenti immagini, presentandole in suggestive installazioni tridimensionali, tralucenti, dinamiche: vere foto-sculture. E’ qui che Serpieri esalta “La vera bellissima carne”, già evidenziata nella lettura critica di Antonio Paolucci.

Sarà ospite della Scuola di Arte Sacra durante il consueto appuntamento “Dialoghi per capire“.

Ingresso libero fino a esaurimento posti.
Per informazioni e prenotazione:
info@sacredartschool.com

Segui l’evento Facebook per rimanere aggiornato

Pubblicato da Sacred Art School Firenze su Mercoledì 16 gennaio 2019